Jean-Loup Amselle

Antropologo

Jean-Loup Amselle (Marsiglia, 1942) è un antropologo francese. Formatosi in antropologia sociale e in etnologia, ha realizzato specifiche ricerche sul campo in Mali, in Costa d’Avorio e in Guinea.

Il suo lavoro focalizza l’attenzione su temi quali l’etnicità (“L’invenzione dell’etnia”, 2008), l’identità e l’ibridismo (“Logiche meticce”, 1999), ma anche sull’Africa e l’arte africana contemporanea, come sul multiculturalismo (“Vers un multiculturalisme français”, 1996) e il postcolonialismo (“L’Occident décroché: enquête sur les postcolonialismes”, 2008) e la subalternità.

Nel 1998 ha diretto con Emmanuelle Sibeud un’opera consacrata a Maurice Delafosse, uno dei pionieri dell’etnografia africanista francese. Attualmente è Directeur d’études presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi e caporedattore della rivista internazionale “Cahiers d’études africaines” (pubblicata in lingua inglese e francese).

18.30 - 20.00

Sabato 22 Maggio

Psicotropici: alternativa o integrazione al sistema?

Iniziativa online sulla piattaforma zoom. Prenota un posto tramite il form!

In collaborazione con Meltemi Editore.
Come si spiega l’attuale mania nei confronti dello sciamanesimo? Cosa spinge sempre più occidentali a intraprendere un viaggio iniziatico nell’Amazzonia peruviana? Jean-Loup Amselle riflette sugli aspetti socioeconomici dello sciamanesimo incentrato sull’ayahuasca e si chiede se la nuova narrazione mistica e green non sia soltanto un modo per mistificare tecniche di potere del tutto occidentali e coloniali volte a mantenere lo status quo. Roberto Revello, curatore del libro di Amselle "Psicotropici. La febbre dell’ayahuasca nella foresta amazzonica", lo intervisterà per noi, permettendo così di introdurre i temi centrali del dibattito che si è sviluppato intorno a questa ricerca etnografica su cui discuteranno Stefano De Matteis ed Emanuele Fabiano.