Jolanda Guardi

Docente Universitaria

Jolanda Guardi insegna lingua e letteratura araba presso l’Università degli Studi di Torino ed è direttrice scientifica del Master in Arab Studies della SSML LIMEC di Milano. Ha conseguito un International PhD in Antropologia presso l'Università Rovira i Virgili di Tarragona (Spagna). Ha compiuto i suoi studi in Lingua e letteratura Araba (MA) presso l'Univeristà di Torino e in Lingua e letteratura Tedesca (MA) presso l'Università di Milano, proseguendo con il conseguimento di un Master in Femminismo Islamico (Università di Madrid). Le sue ricerche si concentrano sulle dinamiche fra intellettuali e potere specialmente come declinate nella letteratura araba contemporanea e nell'ambito degli studi di genere e sono basate su metodi di ricerca femministi (è membra del Comitato Scientifico del SIMREF (Seminario di metodologie di Ricerca Femminista, Università Autonoma di Barcellona). E' stata professora di Lingua e Letteratura Araba presso le Università di Milano, Pavia, Macerata e visiting professor in Algeria. Nel 2010 ha ottenuto il premio Internazionale Benhaduga per la traduzione dall'arabo (Algeria), nel 2011 il Custodian of the Two Holy Mosques International Award for Translation (Arabia Saudita). Nel 2012 il titolo di Teologa Honoris Causa dal CTI (Italia). Dirige la collana di traduzioni dall'arabo Barzakh, presso l'editore Jouvence ed è Presidente e direttrice scientifica del Centro Studi ILA®, primo progetto europeo per la certificazione della lingua araba. Ha al  suo attivo numerose pubblicazioni, anche in lingua araba.

15.00 - 17.00

Sabato 9 aprile

Islam e femminismo intersezionale

Aula Magna, Piazza Scaravilli 2.
Prenota un posto su Eventbrite per avere priorità di accesso!

 

Il panel si propone di affrontare la questione del femminismo intersezionale all’interno della religione islamica per restituire complessità e profondità ad una tematica troppo spesso appiattita stereotipi e semplificazioni. Lə ospiti, anche con l'ausilio di testimonianze dirette, si focalizzeranno sul  femminismo islamico in relazione alle sfide poste dalla ridefinizione di alcuni concetti chiave come quello di famiglia e ruoli di genere collegati alla transizione democratica in diversi paesi a maggioranza islamica.