Vera Gheno

Linguista

Vera Gheno, sociolinguista specializzata in comunicazione digitale, traduttrice dall’ungherese e conduttrice radiofonica, ha collaborato per vent’anni con l’Accademia della Crusca. Attualmente lavora con la casa editrice Zanichelli. Insegna come docente a contratto all’Università di Firenze. La sua prima monografia è del 2016: Guida pratica all'italiano scritto (senza diventare grammarnazi); del 2017 è Social-linguistica. Italiano e italiani dei social network (entrambi per Franco Cesati Editore). Nel 2018 è stata coautrice di Tienilo acceso. Posta, commenta, condividi senza spegnere il cervello (Longanesi). Nel 2019 ha dato alle stampe Potere alle parole. Perché usarle meglio (Einaudi), La tesi di laurea. Ricerca, scrittura e revisione per chiudere in bellezza (Zanichelli), Prima l'italiano. Come scrivere bene, parlare meglio e non fare brutte figure (Newton Compton), Femminili singolari. Il femminismo è nelle parole (EffeQu); è del 28 aprile 2020 l'ebook per Longanesi Parole contro la paura. Istantanee dall’isolamento. Dal 14 settembre 2020 conduce, con Carlo Cianetti, il programma di Radio1Rai Linguacce, in onda dal lunedì al venerdì dalle 15:30 alle 16:00.

Foto: cortesia di Giovanni Canitano per Officina Pasolini

15.30 - 17.30

Domenica 23 Maggio

Linguaggio sessista e inclusività

In diretta sulla pagina Facebook del Festival dell'Antropologia - Bologna.

Con l’avvicendarsi del dibattito sulle cosiddette “cancel culture” e “politically correctness”, i movimenti per sottolineare la necessità di un linguaggio - nonché di un framing narrativo - inclusivo e attento alle questioni di genere rischiano di essere neutralizzati, appiattiti e banalizzati. Da un punto di vista linguisitico, filosofico e giornalistico proveremo a fare luce su come i media generalisti affrontino - nella forma e nel contenuto - le problematiche relative al genere e all’inclusione di soggettività non conformi al binarismo.